Chi siamo

La cooperativa sociale “Il Sogno di una Cosa” nasce nel 1982 quale aggregazione che riunisce operatori, motivati socialmente, per favorire la ricerca nel campo socio-assistenziale ed educativo-culturale.

Il progetto di sviluppo della nostra cooperativa si è incentrato sulla volontà di corrispondere ad esigenze sociali ampliamente diffuse:

* essere interlocutori attendibili, professionalmente capaci e preparati, solidamente organizzati per rispondere ai bisogni della persona, intervenendo in tutte le fasi della vita che necessitano di un supporto educativo, riabilitativo, assistenziale e ricreativo;

* essere soggetti che, attraverso capacità professionali, progettuali e flessibilità organizzativa, si propongono in un rapporto di integrazione al servizio pubblico evitando il ruolo di supplente.

La cooperativa ha partecipato al progetto di deistituzionalizzazione manicomiale favorendo la progressiva fuoriuscita di persone disabili lungodegenti dall’area ex O.P. di Collegno e il loro inserimento in servizi sul territorio.

Ha progettato, realizzato e gestisce “servizi alla persona” di diverse tipologie: servizi residenziali, centri diurni e servizi territoriali in convenzione e per conto di svariate A.S.L., Comuni e loro Consorzi, con l’intento di offrire un valido sostegno alla persona disabile e alla sua famiglia, in un ottica di rete con le risorse del territorio.

A oggi la nostra cooperativa collabora con quattro A.S.L. (TO1, TO2, TO3 e TO5), con il Comune di Torino, con i Consorzi Intercomunali di Nichelino (C.I.S.A. 12), Rivoli (C.I.S.A.), Collegno e Grugliasco (C.I.S.A.P.) e della Valle di Susa (Con.I.S.A.).

Aderisce alla LEGA delle Cooperative, al Consorzio di cooperative sociali denominato N.A.O.S., al Fondo di mutualità integrativa sanitaria denominato “Solideo” e alla Società di Mutuo Soccorso “Solidea”.

E’ sede per il Ministero dell’Interno del Servizio Civile.

Il Consiglio di Amministrazione, eletto dall’Assemblea dei Soci, è composto da 6 membri, la cui attività viene periodicamente monitorata da un Collegio sindacale e da un Revisore Ministeriale.

Attualmente gli addetti della cooperativa sono 94 di cui 66 soci.

Da qualche anno a questa parte abbiamo iniziato a riflettere e a interrogarci su come rendere attuale quell’istanza di giustizia sociale che ha dato origine alla cooperativa stessa ed è ancora parte fondante del suo DNA, alla base dello stile di lavoro e della Mission; ma anche su come riuscire a coinvolgere in questo le nuove generazioni, i soci più giovani, che non hanno vissuto la prima stagione della cooperativa.

Da qui inizia un periodo di proficuo scambio e confronto con altre realtà che operano nel sociale e che ci ha permesso di ampliare notevolmente i nostri orizzonti e intraprendere nuove strade e tipologie di progettazione; ne sono un esempio i progetti che dal 2014 la cooperativa porta avanti, grazie al contributo di alcune compagnie bancarie e all’Unione Europea, a favore delle persone disabili e delle loro famiglie.

I commenti sono chiusi.